Autore: MariaVittoria Minisgallo

#intervisteassonnate | “Di che stiamo parlando” quando parliamo dei Piet Mondrian

28 Agosto 2017, Beat Festival, palco di Orme Radio, Empoli. Ricordo benissimo la prima volta che ho incontrato e ascoltato i Piet Mondrian (una cosa più unica che rara dati i molteplici deficit della mia memoria). Si trattava del giorno prima del mio definitivo trasferimento a Milano, un giorno che, sapevo benissimo, avrebbe cambiato la mia vita. E arriva quella canzone, “Te ne vai”, potente come un pugno allo stomaco. Con una semplicità disarmante i Piet Mondrian erano riusciti a  trasporre in musica i miei sentimenti. E hanno continuato a farlo nei mesi seguenti, canzone dopo canzone. Oggi su a A colazione non si parla si raccontano i Piet Mondrian, duo toscano composto da Michele Baldini e Francesca Storai. Quando Francesca e Michele danno inizio al loro idillio artistico hanno alle spalle già svariate esperienze nel mondo della musica (Michele come cantante e poi bassista per i Sandwichex e i Coito Interrotto, Francesca come cantante e songwriter dei Blume). Lavorare insieme li porta a sperimentare un nuovo tipo di musica, caratterizzato da testi puliti, taglienti e dalla decisiva potenza narrativa accompagnati da basi elettroniche …

#intervisteassonnate | Gabriele Rosati, il futuro attraverso l’obiettivo

  Quando chiedo a Gabriele Rosati, eclettico e talentuoso fotografo toscano classe 1996, di descriversi con una parola, lui mi risponde “amante”. E avendolo osservato per mesi nel corso dei suoi molteplici progetti e collaborazioni, che spaziano dal mondo della moda a quello della musica, ritrovo in quel termine il riassunto perfetto della sua personalità. Passione, determinazione e, per l’appunto, amore emergono con una forza quasi disarmante in tutti i contesti che lo vedono protagonista, siano questi privati o professionali. Dopo essersi diplomato al Liceo Artistico Virgilio di Empoli, Gabriele si butta a capofitto nel mondo della fotografia e frequenta la Scuola Internazionale di Fotografia e Video (APAB) a Firenze. Nell’attesa di cominciare a ottobre il Polimoda, con indirizzo Fashion Art Direction, ha arricchito il suo bagaglio professionale con diverse collaborazioni che lo hanno visto lavorare con Firenza Guidi, DROMe, Ubald, Naive, ARCHEA, Maci, Piet Mondrian e Niccolò Puccini per la collezione Reborn SS17. Come nasce la passione per la fotografia, l’arte e la moda? La mia passione nasce grazie a una persona in particolare, …

I 10 migliori incipit, l’amore a prima vista book edition

incipit /ìn·ci·pit/ sostantivo maschile Nei codici, parola iniziale della formula che si poneva di solito al principio di un’opera o di una sua parte, con indicazioni riguardo al titolo e al nome dell’autore. Nell’uso filologico e bibliografico, le parole iniziali di un testo. Nel linguaggio corrente viene usato per indicare semplicemente l’“inizio”, sia di un’opera letteraria che di uno spettacolo o un programma televisivo, oppure per evidenziare la particolare rilevanza dell’apertura di un discorso.   L’amore a prima vista. No, secondo me non esiste, almeno quando si parla di persone. (Cinismo mode on). Diversa è la questione quando si tratta di libri. Molto diversa. Sono una bibliomane, bibliofila e feticista dei libri (e se avete in mente qualche altro aggettivo in materia state pur sicuri che sarà buono per descrivermi). Ecco perché più volte nel corso della mia vita è capitato che mi innamorassi a prima vista di uno scrittore o di un romanzo solamente grazie all’incipit di quest’ultimo. E non sempre poi l’amore è durato. Come in tutte le relazioni che si rispettino più volte mi sono …

Oh tesi, mia cara tesi: le cinque disgrazie che colpiscono ogni “teseando”

Hai lottato, sudato e studiato per almeno tre anni. E arriva finalmente il giorno in cui tu, studente universitario medio, riesci a sentirti totalmente in pace con te stesso, felice e soddisfatto: il giorno in cui dai l’ultimo esame. Ti sembra di toccare il cielo con un dito, guardi il libretto piangendo, ti senti onnipotente come Dio al settimo giorno della creazione. Esulti e gioisci. Fiumi di alcool e birra vengono versati per festeggiare al meglio questo giorno epico.

Ecco perchè Elena Ferrante è la mia nuova ‘amica geniale’

Ho sempre guardato ai bestseller con sospetto. Vendere milioni di copie non è sinonimo di qualità. (Se così fosse dovremmo considerare la saga delle ‘Cinquanta sfumature’ uno dei capolavori della letteratura inglese contemporanea). Così quando ho scoperto quanto successo avesse avuto il romanzo l”Amica Geniale’ di Elena Ferrante ho titubato. E parecchio anche. Non mi capacitavo del fatto che la semplice storia di due ragazzine che vivono nei bassifondi napoletani degli anni ’50 potesse essere apprezzata a livello internazionale. Quindi ho aspettato, ho letto le recensioni sul web e intanto cercavo di capire quale effetto avrebbe potuto avere quella storia tra le mie mani. Poi un giorno ho ceduto. Ho deciso che non volevo più aspettare, che le parole degli altri non mi bastavano più e che dovevo toccare con mano quella storia che tanto faceva discutere. Avevo uno spudorato bisogno di poter dire la mia. E l’ho comprato. E fin dai primi capitoli ho capito che era vero. Che nella potenza di quella storia potevo crederci anche io. La storia di Lenù e Lila comincia da molto lontano. Sono due …

Gli uomini utopia che ci rendono zitelle

Spiegare il concetto di uomo utopia è molto semplice. Per ogni donna esistono decine di uomini utopia. Azzarderei dire uno per ogni anno (o forse mese?) della nostra vita. Sono uomini che abbiamo amato e idolatrato nella piena consapevolezza di non poterli incontrare mai. Ed il motivo è solo uno. Non esistono. Ma sono rimasti sempre lì, tra le pagine dei nostri libri o sui piccoli e grandi schermi. Li cerchiamo in ogni uomo che incontriamo ma puntualmente restiamo fregate. Chi sono? Ho deciso che fosse giusto parlarne per rendervi e renderci consapevoli che se siamo single un motivo esiste e possiamo dare finalmente la colpa a qualcuno. UOMINI UTOPIA DELL’INFANZIA Gli uomini utopia cominciano a entrare nelle nostre vite fin da subito. Fin da quando siamo bambine, oserei dire! Come? Con le favole, con i cartoni animati che ci persuadono a credere, fin da quando la nostra unica preoccupazione è dormire con l’orsacchiotto di turno, che l’uomo perfetto c’è, esiste. E di chi è la colpa? Uno su tutti. Walt Disney. Ha creato storie …

Il (tablet) di Bridget Jones, il terzo capitolo finalmente al cinema

Siamo vicini al Natale. E viene obbligatorio il collegamento mentale con quel maglione con la renna così orrendamente sexy (l’ossimoro è assolutamente voluto e sentito) che Mark Darcy indossava nel famoso film “Il diario di Bridget Jones”. Ormai è una delle scene cult del cinema. E diciamoci la verità. Quando Bridget Jones ha coronato il suo sogno d’amore sposando Mark Darcy nel secondo capitolo della storia ci siamo sentite abbandonate, spaesate. La nostra eroina cine/letteraria aveva sposato l’uomo dei suoi sogni e aveva potuto dire addio finalmente agli anni di sfortuna, sconfitte amorose, complessi e fobie femminili. Mentre noi eravamo costrette a continuare ad accontentarci di un Darcy cartaceo, che trovavamo soltanto tra le pagine di Orgoglio e Pregiudizio. Poi due anni fa Bridget è tornata, più sfortunata, pasticciona e vera che mai. E’ se questo è successo dobbiamo solo ringraziare Helen Fielding, la mamma/autrice di Bridget Jones che ha deciso di continuare a raccontarci la vita di questa antieroina così splendidamente imperfetta nel romanzo “Bridget Jones: Mad about the boy” (in Italia “Bridget Jones, un …